Il nostro Arcivescovo Mario ha chiesto a don Giuseppe Vegezzi di diventare vicario episcopale della zona II (Varese) da giugno 2018.

Essere vicario episcopale è un compito arduo e di grande responsabilità, don Giuseppe rappresenterà e opererà a nome dell'Arcivescovo nella zona pastorale di Varese una delle piu estese della nostra diocesi.

Gli auguriamo con un po' di nostalgia nel cuore di poter sempre seguire la volontà del Signore e gli assicuriamo la nostra preghiera.

Auguri per il tuo nuovo incarico!

Fu sant’Ambrogio, nella sua Explanatio evangelii secundum Lucam e soprattutto nell’inno in onore dei martiri Vittore, Nabore e Felice, tutti e tre di origine nord-africana, a raccontarci la storia di questo santo, il cui culto è diffusissimo in tutta la diocesi di Milano, dove gli sono dedicate molte chiese. Vittore era un soldato che nel 303 si trovava a Milano per il servizio militare e che, avendo disertato mentre era in corso nell’esercito l’epurazione contro i cristiani, fu arrestato e, dopo sei giorni di digiuno, trascinato nell’ippodromo del Circo alla presenza dell’imperatore Massimiano e del suo consigliere Anulino. Questi gli ordinarono di sacrificare agli dei, ma Vittore rifiutò e fu allora sottoposto a crudeli torture: cominciarono col bastonarlo e, dopo averlo condotto in carcere gli versarono sulle piaghe del piombo fuso, senza però che questo gli provocasse danno. Dopo alcuni giorni riuscì a fuggire approfittando del fatto che i suoi guardiani dormivano, ma fu quasi subito raggiunto e condotto in un vicino bosco dove gli fu tagliata la testa. Il suo cadavere rimase insepolto per una settimana e lo trovò il vescovo san Materno, dandogli onorata sepoltura vicino al luogo dove era stato ucciso. Nabore e Felice sarebbero invece stati martirizzati a Lodi. Numerose a Milano furono le chiese a lui dedicate: San Vittore in Ciel d’Oro, San Vittore al CorpoSan Vittore all’Olmo, san Vittore al Carcere (sulla cui area venne poi costruito l’attuale complesso carcerario milanese di San Vittore), San Vittore al Teatro, San Vittore al Pozzo, che si collegano ai diversi spostamenti subiti dal martire, secondo la leggenda, prima e dopo la sua decapitazione. Era tanta le venerazione di sant’Ambrogio per lui che fece seppellire accanto al suo sepolcro il proprio fratello san Satiro. San Carlo Borromeo il 27 luglio 1576 fece una solenne ricognizione delle reliquie del santo, che fin dai tempi di Gregorio di Tours era venerato come patrono dei prigionieri e degli esuli.  

8 maggio ore 18.30 Santa Messa presieduta dall'Arcivescovo di Milano

Sua Eccellenza Mons. Mario Delpini
Risultati immagini per san vittore martire

Domenica 18 marzo

QUARESIMALE CITTADINO

ore 16,00  Santuario Addolorata  Rho

                                    testimonianza di due coniugi del Salvador

 

            In Parrocchia San Vittore

 

 

VENERDI' 16 MARZO

 

ore 06,45 LODI, RIFLESSIONE + colazione

 

Ore 8.00  Via Crucis

Ore 9.00 Via Crucis

Ore 18.30 Via Crucis    

 

 

 

 ore 21,00  Quaresimale

 

Meditazione con il coro Pueri Cantores e gli Amici di Milano

Alcuni corali tratti dalla Passione secondo Matteo e secondo Giovanni di Bach

Riflessione spirituale di Elena Bolognesi

 

Sottocategorie

Pagina 1 di 4

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi. Proseguendo la navigazione sul sito accetti l'utilizzo dei cookie.